Tigelle Semi Integrali

Tipiche, golose e con un tocco di genuinità. Crescenta, o crescentina, o tigella (nella forma plurale: crescenti, o crescentine, o tigelle) è un tipo di pane caratteristico dell’ Appennino modenese. È un prodotto agroalimentare tradizionale elencato con i nomi di crescentina modenese o tigella modenese. Oggi è proposto come parte del menu tradizionale (come secondo piatto o come piatto unico) da molte trattorie del modenese, del bolognese, del reggiano e del mantovano; oppure come cibo di strada in manifestazioni folkloristiche e sagre locali.

Oltre le tigelle esiste anche la famosa PIADINA ROMAGNOLA, altro prodotto eccellente, se volete la nostra ricetta cliccate sul nome.

Abbiamo deciso di rivisitare la ricetta tradizionale e renderle più salutari (senza aggiungere lo strutto, utilizzare meno lievito, sale e utilizzare la farina tipo 2 al posto della 00). Vi assicuriamo che sono eccezionali e considerando che vanno mangiate con i salumi, non noterete più di tanto la minor quantità di sale.

Buona lettura e buona preparazione.

Ingredienti x 23 tigelle

  • Latte 280 ml
  • Lievito secco 2 g
  • Farina  di tipo 2  700 gr
  • Acqua tipieda 180 gr
  • Olio extravergine d’oliva 2 cucchiai
  • Sale fino 4 gr

Per il ripieno

(A vostro piacere, noi le abbiamo farcite con salame ungherese e brie; prosciutto crudo, rucola e grana; mortadella,crema al tartufo  e provolone; salsiccia e provola).

Procedimento

Per preparare le tigelle semi integrali prendete una ciotola, metteteci la farina 2, quindi aggiungete il latte, il lievito disidratato e iniziate ad impastare con un cucchiaio in legno o con le mani. Dopo qualche minuto aggiungete l’olio extravergine d’oliva, l’acqua e il sale e  continuate ad impastare finché non si crea un composto liscio e omogeneo.

Capirete che l’impasto è pronto quando non si attacca alle mani! 😉 A questo punto coprite con uno strofinaccio  e lasciate riposare a temperatura ambiente per 6 ore in un luogo tiepido e privo di correnti d’aria.

Terminato il tempo della lievitazione, togliete l’impasto dalla ciotola e collocatelo su una spianatoia oppure su un banco in marmo.

Con un mattarello stendete l’impasto fino ad arrivare ad uno spessore di circa 4/5 mm (né troppo sottile ma neanche tanto spesso).

Dopodiché con un coppapasta del diametro di 8,5 cm (o con un bicchiere) ricavate dei dischi;  ripetete l’operazione e, una volta terminato, dovrete ottenere 23 tigelle.

È arrivato il momento di cuocerle ??

Prendete una padella antiaderente, riscaldatela a fuoco medio,  mettete le tigelle e abbasate la fiamma. Fate cuocere da ambedue i lati (senza aggiunta di olio o altri grassi).

Per cuocerle tutte richiede un po’ di tempo, nel mentre preparatevi  le varie ‘farciture’.  Ci sono svariati modi per farcirle, sono perfette con i salumi, ma anche con le verdure o con le creme (tipo la crema tartufata, la crema di olive, di carciofi etc).

Una volta cotte, tagliate ogni tigella a 2 e farcitela come volete

Buon appetito  ???

Condividi sui Social...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.