Carbonara

Sul nostro sito non poteva assolutamente   mancare  questa ricetta tipica! Questa istituzione!

Non ha ricevuto riconoscimenti dal punto di vista di certificazioni ma è il primo piatto al Mondo piu’ apprezzato e consumato. Ma la ricetta originale qual è? e soprattutto la storia la conoscete?

Le “legende metropolitane sono diverse” ma la più veritiera  pare sia questa:

II guerra mondiale, i soldati Americani presenti nelle zone del Lazio/Abruzzo, consumavano abitualmente la pasta cacio e pepe. Decisero di aggiungere  il bacon e le uova per ricordare le loro tradizione ed ecco che nacque la carbonara.

Ma gli ingredienti quali sono?

Grazie a “Piattitipici” ho avuto modo di girare molto e conoscere diversi Chef/ristoratori;  dalle informazioni raccolte ho tratto questa ricetta. Gli ingredienti sono 6: pasta, pecorino romano, guanciale, tourli d’uovo, pepe nero e sale.  Sei pronto per leggere la ricetta? 2 minuti di lettura  e ti porti a casa una meravigliosa ricetta tipica

CARBONARA

Ingredienti x 2 persone

  • 200 gr di pasta. Io utilizzo Pasta Armando e ve la consiglio vivamente (spaghetti/tortiglioni/rigatoni/mezze maniche o altri formati che desiderate, il sapore resta sempre impeccabile).
  • 4 tourli d’ uovo  (io generalmente utilizzo le uova a pasta gialla).
  • 70 gr di Pecorino
  • 150 gr di guanciale

Procedimento

Prendete una pentola, metteteci l’acqua e portatela a bollore. Durante l’attesa tagliate tutto il guanciale a listarelle (Julienne), prendete una padella da 28 cm, riscaldatela (senza olio o burro) e unite il guanciale, fate rosolare a fiamma media/bassa  per 5 minuti girando di tanto in tanto. Nel frattempo prendete una ciotola e dividete i tourli dagli albumi. Poi grattuggiate il pecorino e andate a creare il così chiamato “pastello” (tuorli e pecorino insieme). Quindi girate energicamente con una forchetta e unite con un cucchiaio, un pò alla volta, il grasso caldo che sta cacciando il guanciale. Fate questo passaggio per 3 volte A che serve questo procedimento? per pastorizzare l’uovo dato che la Vera carbonara prevede che l’uovo non sia cotto.

A questo punto spegnete il guanciale e lasciate una metà in padella e l’altra mettetela in una ciotola che vi servirà dopo. E’ arrivato il momento di cuocere la pasta 🙂 salate l’acqua e cuocete gli spaghetti  per 8 minuti. Sulla confezione pasta armando c’è scritto 11/12 minuti, ma servono 4 minuti circa per mantecare.

Trascorsi gli 8 minuti scolateli, e lasciate da parte  almeno 4 mestolini di acqua.

Unite gli spaghetti al guanciale in padella e mantecate il tutto con 2 mestolini di acqua calda di cottura , (la mantecatura in questa pasta è fondamentale).

Dopo 2 minuti  spegnete la fiamma spostatevi dal piano cottura e mantecate energicamente per un altro minuto (con pinze o semplicemente saltando) affinchè il calore fuoriesca.  Unite il pastello, 2 mestolini di acqua e girate con delicatezza finchè il pastello non si sciolga e si amalgami  per bene con la pasta (questo passaggio richiede 1 minuto circa).

NB: per fare più veloce potete “stemperare” il pastello con una  con l’acqua di cottura anche direttamente nella ciotolina e poi lo unite alla pasta quando è già liquido.

E’ arrivato il momento di impiattare! A nido, per esteso o come vi pare l’importante che fate velocemente, unite il guanciale  croccante che avete messo da parte, una grattugiata di pepe nero e GODETEVELA.

Buon appetito! Se vi piace la ricetta, e volete vedere anche i passaggi ,andate sulla mia pagina Instagram e nelle stories in evidenza trovate una cartella rinominata Pasta Armando.  😉 troverete anche altre video stories di altri piatti tipici 🙂  Buona giornata 🙂 ah dimenticavo, se non sai dove comprare Pasta Armando, clicca qui, inserisci la tua città/paese e ti usciranno tutti i supermercati che la vendono 🙂 in tutta Italia ci sono + di 2400 punti. Se abiti in una zona lontana dal punto vendita puoi acquistarla comodamente anche online sul loro sito, basta  cliccare sulla sezione shop online 🙂

Condividi sui Social...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *